Festa di Piedigrotta 2018

 

Come ogni anno, il mese di settembre a Napoli è tutto dedicato alla Festa di Piedigrotta, una festa conosciuto in tutto il mondo.

Le origini della festa di Piedigrotta infatti risalgono alle antiche celebrazioni dei Baccanaliaantichissimi riti in onore del dio Priapo. Uomini e donne si incontravano in una oscura galleria detta Crypta Neapolitana per celebrare i riti orgiastici della fertilità, di fronte al simulacro del dio Priapo, accompagnati da musica e da sfrenate danze. La galleria, che la leggenda vuole sia stata scavata dal poeta e mago Virgilio in una sola notte, è in realtà un tunnel utilizzato per spostare velocemente le truppe romane da Napoli ai Campi Flegrei. L’avvento del cristianesimo non poté spezzare però una tradizione vecchia di millenni e così al posto del sacrario del Dio Priapo, ad essere onorata fu la statua della Madonna di Piedigrotta, custodita nell’omonimo santuario che andò a sostituire l’antico altare di Priapo.
Secondo la leggenda, la notte dell’8 settembre del 1353, la Vergine apparve in sogno a tre persone differenti, rivelando loro il punto in cui scavare per ritrovare una sua immagine, da custodire in una chiesa da erigere ai piedi della grotta. In realtà però, con l’avvento del Cristianesimo, i culti di Priapo, celebrati proprio la notte del 7 settembre, furono sostituiti dal culto di Santa Maria dell’Idria (simbolo di fertilità) e proprio ai piedi della grotta dove avveniva le orge fu eretto un primo nucleo di santuario a lei dedicato: il santuario di Santa Maria “de pedi grotta”.

Il santuario divenne centro di un culto molto sentito, tanto che anche il Petrarca celebrò la devozione dei popolani che vi si recavano in visita: donne in cerca di marito, mogli in attesa di un bambino, uomini affetti da impotenza, madri che invocavano la protezione per i propri figli marinai. In un primo momento i riti avvenivano nella grotta, ma nel corso dei secoli furono allargati anche all’attuale villa comunale. Durante tali celebrazioni in onore della Madonna e della fertilità che questa poteva regalare, si ballava, si cantava, si banchettava, si assisteva a spettacoli pirotecnici. Durante il regno borbonico, la festa divenne anche occasione per imponenti parate militari, poi scomparse dopo la caduta dei Borbone. È però nel 1835 che la festa prende le forme di una grande manifestazione canore e canzoni come “Michellemmà e “Io te voglio bene assaje costituiscono la colonna sonora che accompagnerà la festa nel corso degli anni, fino al suo declino negli anni ’70. La Festa di Piedigrotta è stata, fino agli anni ’70, uno degli eventi più pittoreschi e amati di tutta la tradizione napoletana. È grazie a tale festa che canzoni come “Fenesta vascia” o la celeberrima “O’Sole mio hanno fatto varcato i confini dello spazio e del tempo.

Anche per l’edizione 2018 tanti saranno gli appuntamenti religiosi in programma dal 1 al 12 settembre, le messe si terranno nella Basilica Santuario Parrocchia S. Maria di PiedigrottaLa festa si compone di una componente religiosa molto attesa dai pescatori di Mergellina e che prevede la famosa processione delle barche a mare e dove partecipa anche il Cardinale e poi c’è la festa civile che prevede concerti gratuiti sul lungomare e nella zona di via Galiani.

Vi ricordiamo che anche la Notte della Tammorra che doveva svolgersi a Ferragosto ma che è stata rinviata per i tragici fatti di Genova è uno degli eventi di questa edizione della Festa di Piedigrotta, avrà le stesse formazioni musicali ma probabilmente si terrà non sul lungomare ma l8 settembre 2018 in Piazza Plebiscito.

Ovviamente come sempre non mancherà la sfilata in corteo dei bambini con i vestitini di carta.

Maggiori info

Pagina Facebook

 

Per essere sempre informato su tutto quello che accade a Napoli segui anche la mia pagina facebook, diventa fan di Napulèblog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *